Il prossimo anno Apple potrebbe stabilire un nuovo record e presentare ben tre nuovi modelli di iPhone: come di consueto un aggiornamento al design lanciato quest’anno è atteso per il mese di settembre, al più tardi per ottobre, ma questa volta a Cupertino starebbero lavorando per fare davvero le cose in grande. O in piccolo, a seconda dei punti di vista.

Nella tornata 2014, infatti, Apple ha finalmente abbandonato i formati mini per seguire il resto del mercato verso gli schermi maggiorati: iPhone 6 da 4,7 pollici e iPhone 6 Plus da 5,5 sono un deciso salto in avanti rispetto ai 4 pollici della generazione precedente. Una scelta che tuttavia ha lasciato scoperto il segmento economico e più compatto: in una sorta di proverbiale coperta corta, Apple ha preferito non aggiornare i modelli 2013 lasciando iPhone 5S e iPhone 5C come offerta base del suo listino.

Tutto questo è destinato a cambiare nel 2015: seguendo il percorso fin qui tracciato (soprattutto con il modello 5 reincarnatosi nel 5C), riemergono i rumors secondo cui Apple dovrebbe lanciare un nuovo prodotto da 4 pollici per ringiovanire la parte bassa della sua matrice-prodotti, oltre a lanciare nuove versioni dei suoi smartphone e phablet più lussuosi. In altre parole, ci sarebbero in cantiere un iPhone 6S “mini”, un iPhone 6S e un 6S Plus, che andrebbero a occupare il posto attualmente impegnato da 5S, 6 e 6 Plus. Il 6S mini, o 6C, dovrebbe incorporare un SoC più datato (magari il pur sempre valido A7 a 64bit) e costituirebbe il punto di partenza per operatori e consumatori che desiderino entrare nell’ecosistema della mela morsicata.

Una buona notizia, dunque, per i clienti affezionati che preferiscono un terminale facile da usare con una mano soltanto. Per gli altri, invece, si mormora ancora di un maxi-iPad da 12 pollici in rampa di lancio: questi rumors, tuttavia, si rincorrono da anni senza che a oggi nulla si sia trasformato da fantasia in realtà.