NAPOLI .- “Promuovere e divulgare la cultura in tutte le sue forme, nel rispetto dei principi democratici e di tolleranza reciproca, in cui ragione, sentimento e ricerca sono indirizzate verso migliori condizioni per l’umanità, in ossequioso omaggio alla memoria del grande Federico II”. Lo ha detto Domenico Cannone, presidente dell’Accademia Internazionale Partenopea “Federico II”, in occasione della VI edizione del Premio Internazionale “Città di Napoli” Memorial “Libero Bovio” che si è svolto nella splendida cornice del Complesso Monumentale San Severo al Pendino a Napoli.
premio-citta-di-napoli-2016“La partecipazione del pubblico e delle numerose delegazioni giunte a Napoli da tutta Italia e dall’estero – ha aggiunto Cannone  – rappresenta un motivo di grande orgoglio per tutta la nostra Accademia. I premi sono stati assegnati, in virtù del massimo impegno professionale e artistico, libero da ogni tipo di contaminazione, per il raggiungimento di traguardi sempre coerenti alle aspettative a personaggi che si sono distinti con la loro opera meritoria nell’ambito della cultura, dell’arte, dello spettacolo e del sociale. Desidero ringraziare personalmente Francesco Vernetti, consigliere comunale di Napoli e presidente onorario della manifestazione, per la concreta collaborazione dimostrata”.
Nel corso della cerimonia sono stati assegnati i premi a Remo Girone, attore cinematografico e teatrale (che ha ritirato il riconoscimento accompagnato dalla moglie ed attrice Victoria Zinny), Dario Gabriele Mora, manager impegnato nel sociale e a supporto dei più deboli; Aldo Pace, direttore generale Banca del Sud; Don Paolo Cecere, parroco emerito della Chiesa dedicata a San Antonio da Padova a Castellammare di Stabia, Figlio spirituale di San Pio da Pietrelcina; Pio Del Duca, manager della PDD Production.
La giuria ha assegnato il Premio alla Carriera ai giornalisti Ottavio Lucarelli (presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania), Domenico Falco (presidente del Movimento unitario dei giornalisti), Antonio Gemei (vicedirettore Bollettino Ufficiale della Regione Campania) e Giovanni Lucianelli (autore del libro “Buone notizie da Napoli”).
Premio alla Carriera anche per il maestro d’arte Roberto Buanne, un’artista fuori moda, con un’ideologia pacata, senza vendetta né risentimenti, con giudizi attenti e saggi.
Il Premio Città di Napoli VI edizione è stato attribuito ai giornalisti Livio Varriale (direttore editoriale di Julie News); Rino Cesarano (Corriere dello Sport), Mimmo Sica (Roma), Pasquale Turco (direttore di Capri Event), Gino Giammarino (direttore editoriale “Il Brigante”), i consiglieri nazionali Alessandro Savoia Alessandro Sansoni e Massimiliano Musto, Mario Orlando (Condirettore Capri Event), gli ideatori dell’emittente tv “Eduardo” Pino Ecuba e Salvatore Piedimonte.
Gianfranco Coppola, vicecaporedattore del Tgr Campania della Rai e consigliere nazionale dei giornalisti è stato nominato  Senatore Accademico.
All’avvocato Brunella Postiglione e al Consigliere Comunale di Napoli, Carmine Sgambati sono stati nominati Accademici Honoris Causa.
Premio Speciale ed encomio solenne, con croce di Titanio è stato consegnato al Comandante Generale dei corpi sanitari internazionali Alessandro della Posta.
Alla manifestazione, presentata da Peppe Nardelli, si sono esibiti la cantante Carolina Ferrara e i maestri Aco Bocina (mandolino) e George Mustang (chitarra) ed è stato assegnato  il titolo di Miss International Academy “Federico II” alla modella Giusy Brillante.
Premio Internazionale “Città di Napoli” Memorial “Libero Bovio” ha coinvolto anche autori, poeti, pittori, scultori, artisti della fotografia provenienti da tutt’Italia che sono stati selezionati accuratamente dalla giuria che ha premiato per la sezione A (temi su libero bovio o su teatro e musica) Mario Senatore con “A Libero Bovio”; per la sezione B (poesia in lingua edita o inedita) Amelia Valentini con “Arrendersi al tempo”; per la sezione C (vernacolo napoletano e dialetti regionali) Concetto Arena con “focu contra focu”; per la sezione D (breve silloge di 3 liriche edite o inedite) Giuseppe Granata con “nostalgia”; per la sezione E (artistica di ogni genere, pittura e arte fotografica) Francesco Granata (opere pittoriche olio su tela); per la
sezione  F (racconti, saggi, romanzi e libri di ogni genere) Gaetano Mazzilli con il racconto “Giarabub”; per la sezione G (categoria libri) Antonella Carullo con il libro “Chi ama non dimentica”.
Il Presidente Cannone ha reso noto che Anna Calemme, ambasciatrice umanista della canzone napoletana nel mondo, inaugurerà nei prossimi giorni la nuova filiale dell’Accademia in Georgia (Usa) per attivare nuovi progetti negli Stati Uniti.