I carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli e della Compagnia di Pozzuoli hanno dato esecuzione a un decreto di fermo emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli a carico di Gennaro Longobardi, il 60enne sorvegliato speciale ritenuto a capo dell’omonimo clan in azione nel controllo degli affari illeciti a Pozzuoli e nei comuni limitrofi. Fermato per lo stesso provvedimento anche il genero del boss, Gennaro Amirante, 38enne, di Pozzuoli. Entrambi sono ritenuti responsabili di estorsione aggravata da finalità mafiose ai danni del titolare di un noto ristorante di Pozzuoli. Al gestore del locale il clan avrebbero tentato di imporre il pagamento di 1.500 euro al mese. Poi il boss avrebbe pensato di “convertire” il pizzo trasformandolo nell’acquisto di frutti mare dal genero, acquisto eccessivo per le esigenze del ristorante e a prezzi molto più alti di quelli di mercato. I fermati sono stati associati al centro penitenziario di Secondigliano.