“Il Liverpool è una delle squadre più forti d’Europa, ma noi cercheremo la vittoria, possiamo metterli in difficoltà”. Carlo Ancelotti presenta così, in conferenza stampa, il match di domani contro i Reds al San Paolo.

La squadra ha la convinzione di potercela fare?

“La convinzione ce l’abbiamo e la dobbiamo avere per cercare di giocare come vogliamo noi. Certamente non potremo pensare di avere il controllo totale del gioco. L’aspetto da migliorare è quella della gestione dei momenti di difficoltà. Dovevamo farlo meglio a Torino contro la Juventus, speriamo di farlo bene domani”

“Sicuramente abbiamo un avversario che ha acquisito continuità negli anni, è organizzato benissimo ed è una delle più grandi realtà del calcio europeo. Bisognerà andare in campo con grande ritmo ed intensità. Ho molta fiducia nella squadra e so quello che possiamo dare”

Quale giocatore teme di più del Liverpool?

“Il Liverpool non ha un giocatore solo forte ma ne ha tanti, soprattutto nelle ripartenze. Noi vogliamo attaccare per vincere ma dobbiamo stare attenti a questa loro caratteristica”.

E’ una gara decisiva per il cammino Champions?

“La partita è importante, non è decisiva ma per noi sarebbe importante conquistare i 3 punti che ci sono sfuggiti contro la Stella Rossa. Arrivare a queste partite è sempre bello, nel calcio si vive per queste sfide emozionanti. Bisogna giocare con attenzione ma anche una certa serenità per mostrare a pieno le nostre qualità”

Ci saranno ancora cambi in formazione?

“Sulla formazione ho una idea, penso che cambierò qualcosa ancora,. Ma al di là degli interpreti quello che non cambia è la nostra strategia e la mentalità di cercare di imporre il nostro gioco. Quello che dobbiamo fare è avere equilibrio per l’intero match”

“Le scelte saranno legate alla condizione fisica, vedremo nell’ultimo allenamento. Il Liverpool imporrà una partita ad alta intensità e quindi dovremo essere preparati. Dobbiamo avere coraggio e personalità di mettere in campo ciò che abbiamo preparato e poi essere pronti ad arginare ai loro contrattacchi. Se giochiamo come sappiamo, possiamo mettere in difficoltà il Liverpool”

“Io vedo una squadra forte che raggiunge livelli di eccellenza come gioco e come mentalità. Poi a volte non riusciamo a dare continuità, come è caputato contro la Juventus, ma sono fiducioso perchè possiamo solo migliorare con il tempo”

Può esservi utile l’esperienza dell’amichevole di questa estate?

“Era una partita amichevole e quindi non c’erano particolari strategie, ma solo un test di rodaggio. Non sarebbe stato utile fare tatticismi perché era una fase in cui la squadra cercava la sua forma. Sicuramente non dovremo ripetere quel tipo di gara, ma è ovvio che domani sarà tutto diverso”

Che ne pensa di Klopp?

“Klopp è un amico, un allenatore di grande esperienza e le sue squadre hanno una identità precisa che è la sua: velocità, aggressività e intensità”.

Infine sulla designazione dell’arbitro Kassai, che fu nell’occhio del ciclone in un discusso Real Madrid-Bayern Monaco di Champions:

“Sono sorpreso da questa designanzione anche perché per me Kassai rappresenta un precedente nefasto quando allenavo il Bayern. E non è passato neppure molto tempo. Solitamente il tempo rimargina le ferite ma non le cancella…”

Lorenzo Insigne alla vigilia di Napoli-Liverpool in conferenza stampa:

“Sono tranquillo per domani e lo sono anche i miei compagni. Sappiamo che sarà una gara difficile, ma siamo convinti che anche grazie all’aiuto dei nostri tifosi riusciremo a fare una gran partita. Scenderemo in campo per provare a vincere, non sarà facile ma ci proveremo. In attacco mi trovo bene con tutti, da Milik a Mertens, da Callejon a Verdi. Sono felice del mio nuovo ruolo e ringrazio Mister Ancelotti che mi ha dato la possibilità di giocare più vicino alla porta. Qualche goal, infatti, è arrivato”.

Napoli-Liverpool alle ore 21 al San Paolo per la seconda giornata di Champions League.

Dirige il match l’arbitro ungherese Kassai.

I convocati azzurri: Ospina, Karnezis, Albiol, Maksimovic, Koulibaly, Luperto, Malcuit, Mario Rui, Hysaj, Fabian Ruiz, Rog, Allan, Diawara, Zielinski, Hamsik, Verdi, Mertens, Callejon, Milik, Insigne, Ounas.