ROMA – Aurelio De Laurentiis a tutto campo. Il presidente del Napoli al Corriere dello Sport-Stadio di oggi in edicola fa il punto sul suo club, parlando apertamente della sua visione del calcio a partire dalla scelta di Ancelotti fino al mercato tutto da scrivere (…)

Ma Ancelotti cosa le ha chiesto?

«Ci sentiamo tutti i giorni e non ha mai avanzato pretese. E’ un uomo sicuro di sé, che quando serve mostra pure il pugno duro. Ha padronanza del segno del comando».

 

Vi è chiaro dove intervenire, comunque…

«Due portieri, un esterno basso che sappia difendere, se vanno via Jorghinho e Hamsik anche due centrocampisti. E poi abbiamo già preso Verdi: vedrete, che da noi Simone sarà più sereno e farà grandissime cose».

 

Se insistiamo dicendo che Fabian Ruiz è vostro?

«Stiamo aspettando soltanto il suo ok, che potrebbe arrivare a momenti».

 

Se sottolineiamo che ha incontrato Lainer?

«Non la smentirò: è successo anche l’altro giorno, a Milano, e stiamo nel pieno della chiacchierata».

 

Però il portiere sta diventando una ossessione.

«Non nostra. Io voglio accontentare Ancelotti, innanzitutto. A me piace molto Meret, però quando vai dai Pozzo sai che i prezzi diventano illogici. Areola è bravissimo, come altri; Keylor Navas ha esperienza. Ma il Napoli non ha assolutamente fretta»