Macron-Le Pen, il dibattito tv fra i due contendenti per l’Eliseo diventa subito scontro: è stata Marine Le Pen ad aprire le ostilità alle prime parole. Emmanuel Macron ha capito all’istante che non era il caso di andare per il sottile e l’appuntamento per approfondire e confrontare i programmi è sembrato a tratti una rissa da talk-show. “Lei ha la freddezza del banchiere d’affari”, ha esordito Marine Le Pen, “è il candidato della mondializzazione selvaggia”, con un “sorriso da passaporto” e argomenti “vergognosi”. “Non avevo dubbi, lei signora Le Pen è la candidata dello spirito di ‘finesse’ – ha subito replicato Emmanuel Macron ribattendo colpo su colpo – vedremo se i francesi vogliono il vostro spirito di sconfitta di fronte alla mondializzazione, alla lotta al terrorismo” o “il nostro spirito di conquista”. “Lei – ha continuato duro Macron – è l’ereditiera di un nome, di un partito politico, di un sistema che prospera sulla rabbia dei francesi da tanti e tanti anni. Da 40 anni, noi abbiamo in questo Paese dei Le Pen candidati alle presidenziali. Di fronte a questo spirito di sconfitta, io sono portatore dello spirito di conquista francese: la Francia ha sempre avuto successo nel mondo, la sua lingua si parla in tutti i continenti. A fare la sua forza è la capacità di irradiare”.

CONDIVIDI