Sono Bruno Cacace, 56enne residente a Borgo San Dalmazzo (Cuneo), e Danilo Calonego, 66enne della provincia di Belluno, i due italiani rapiti in Libia. E’ quanto si apprende dai carabinieri del Comando provinciale di Cuneo, che dopo essere stati contattati dalla Farnesina si sono recati presso la sede della ditta per cui lavorano, la Con.I.Cos di Mondovì (Cuneo) e presso l’abitazione di Cacace a Borgo San Dalmazzo.
Il presidente del Consiglio Matteo Renzi, che è a New York per l’Assemblea generale dell’Onu, segue direttamente la vicenda degli italiani sequestrati in Libia. Il premier, a quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi, è in continuo contatto in queste ore con il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni e l’autorità delegata ai Serivi, il sottosegretario Marco Minniti.