Non avrebbe sparato, Raffaele Ottaiano, il giovane rapinatore che la sera dello scorso 10 febbraio, a Frattamaggiore, in provincia di Napoli, è rimasto ucciso dai colpi di pistola esplosi dal gioielliere che voleva rapinare. . La circostanza emerge dall’attività investigativa degli inquirenti della Procura di Napoli Nord che, nelle scorse settimane, hanno quasi del tutto delineato la dinamica dell’accaduto.

La ricostruzione

Ottaiano, insieme con quattro complici, aveva tentato di mettere a segno una rapina a mano armata nel negozio di Luigi Corcione, un giovane gioielliere che ha reagito sparando. Corcione è indagato con l’ipotesi di accusa di omicidio colposo per eccesso di legittima difesa. In un’intervista rivelò di avere reagito dopo aver visto il bandito puntargli la pistola contro e di non aver mai sparato contro un uomo prima. Il suo legale, l’avvocato Luigi Ferrante, riferì che la reazione del suo cliente era stata causata dalla situazione di pericolo imminente e concreto davanti alla quale il gioielliere si è trovato. Ora però le investigazioni mettono in dubbio questa versione dei fatti. Verosimilmente non avrebbe sparato neppure Luigi Lauro, uno dei complici di Ottaiano, anch’egli armato, preso mentre tentava la fuga grazie all’intervento di un coraggioso ispettore di Polizia del locale commissariato. Anche Lauro, secondo quanto emerso, avrebbe puntato la pistola che aveva in mano contro il poliziotto il quale è comunque intervenuto.

fonte; http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/cronaca/18_febbraio_20/gioielliere-uccide-rapinatore-secondo-pm-bandito-non-sparo-943cb9ea-164e-11e8-8b0f-cb4ce62f294b.shtml