Circa 6.400 master utilizzati per stampare testi, numerosi libri, hard disk e supporti informatici sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Napoli nell’ambito di un’operazione a tutela del diritto d’autore. Controllate numerose copisterie, 7 le persone denunciate. L’attività si è svolta nelle zone limitrofe ai poli universitari della città. La legge – ricordano le Fiamme gialle – consente di fotocopiare al massimo il 15% di ciascun testo. Invece, è emerso che i libri venivano fotocopiati per intero e venduti agli studenti alla metà o anche meno del prezzo di copertina.