NAPOLI – “Il bilancio sociale è un grande segnale di trasparenza e di volontà di comunicare quanto fatto dall’Ordine dei dottori commercialisti di Napoli negli ultimi anni. Ci siamo posti come punto di riferimento sul territorio, raccogliendo e vincendo molte sfide. Ma c’è ancora tanto da fare: nel 2017 spingeremo sul tema dell’aggregazione dei professionisti sugli studi professionali e sui voucher per la formazione ed i tirocini dei giovani. È importante perché il settore sta andando verso la specializzazione ed occorre preparare gli iscritti per competere in un mercato sempre più globale. Oggi il commercialista deve essere promotore di un’innovazione”. Lo ha detto Vincenzo Moretta, presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli, presentando il bilancio sociale 2013-2015 dell’ordine partenopeo nel corso del convegno “Il bilancio sociale: per una crescita responsabile e sostenibile”.
“Non eravamo obbligati a pubblicare il bilancio sociale ma per etica e trasparenza nei confronti degli iscritti abbiamo ritenuto importante fare un documento che raccogliesse le sfide vinte negli ultimi anni – ha evidenziato Liliana Speranza, consigliere Odcec Napoli – È stato fatto un bel lavoro con la collaborazione di un gruppo di lavoro della facoltà di Economia dell’Università Federico II, al quale ha partecipato anche la Banca Popolare del Mediterraneo in qualità di sponsor. Auspichiamo che questo resoconto di 4 anni di attività sia di buon auspicio per il futuro”.
Aurelio Fedele, consigliere segretario Odcec Napoli, afferma: “Per l’Ordine dei dottori commercialisti di Napoli è un piacere rappresentare le attività svolte, in particolare evidenziare la partecipazione delle donne in numero sempre più crescente. Il bilancio sociale evidenzia come l’Odcec Napoli sia stato apripista sulle esigenze dei giovani e nell’ambito delle attività svolte con le università”.
Al convegno hanno partecipato Achille Coppola, segretario nazionale dei commercialisti italiani; Mauro Sciarelli, professore ordinario alla facoltà di Economia dell’Università Federico II; Gennaro Fusco, presidente Banca Popolare del Mediterraneo; Francesca Marra Buonocore, consigliere Odcec Napoli; Margherita Romualdo, commissione parità di genere Cndcec; Antonella La Porta, presidente commissione no profit Odcec Napoli; Antonio Aurino e Francesco D’Ambrosio dell’Odcec Napoli.