Prima è uscita sul balcone, in preda al panico, per sfuggire alle fiamme che devastavano l’appartamento. Poi l’incendio è giunto anche lì, e si è calata rimanendo aggrappata ai ferri della ringhiera, sempre in attesa dei soccorsi. Dopo alcuni drammatici istanti non ce l’ha fatta a reggersi, ed è caduta al suolo rimanendo uccisa nell’impatto.

Sono state queste le fasi della notte di paura che si è conclusa, in vico Giustiniani a Napoli, con la morte della 57enne di nazionalità russa e tre persone rimaste intossicate, finite in ospedale.

Ad assistere alla scena alcuni dei tanti residenti della zona scesi in strada dopo essere stati svegliati, intorno alle 4.30, dalle grida e del bagliore delle fiamme, visibile anche a grande distanza. La donna russa è caduta proprio mentre i vigili del fuoco si davano da fare per giungere sul posto, rallentati dalle ridotte dimensioni dei vicoli, dai paletti e dalle auto in sosta.