Il centrocampista azzurro a Premium: “Contro il City abbiamo dimostrato grande carattere”

“Sapevamo che era una partita molto difficile a Manchester: il City è una delle squadre favorite per la vittoria della Champions. Abbiamo sofferto nella prima mezz’ora poi a poco abbiamo preso in mano il match dimostrando grande carattere. Non era facile andare all’Etihad e imporre subito il nostro gioco: potevamo fare meglio in avvio ma è normale avere incontrato difficoltà”. Amaodu Diawara commenta così, in esclusiva a Premium Sport, il ko del Napoli in Champions.

Contro la squadra di Guardiola gli azzurri si sono presentati due volte dal dischetto: “Il rigore sbagliato da Mertens? Di solito li battes empre lui i penalty e fa gol. Questa volta doveva andare così. Quando l’arbitro ha fischiato il secondo rigore mi sentivo sicuro, ho chiesto a Dries e mi ha lasciato tirare. Segnare il primo gol in Champions è un’emozione inspiegabile, sono rimasto a bocca aperta anche se mi dispiaceva per la sconfitta”.

Il 20enne ha dimostrato gande personalità nel presentarsi dagli 11 metri in un grande palcoscenico: “Il calcio per me è un lavoro ma io in campo mi diverto e quindi in quel momento ero tranquillo. L’abbraccio dei compagni? Siamo un gruppo unito e questa è una cosa molto importante”.

Ora è tempo di pensare al campionato, al San Paolo arriva l’Inter: “Icardi pericolo numero 1? Hanno 11 giocatori, non ci concentriamo su un singolo elemento: è una gara importante che dobbiamo vincere. Scudetto? Fa piacere essere in testa ma l’importante è mantenere questo livello. C’è sempre bisogno dei tifosi, ci sono stati vicini ma mi piacerebbe che tornassero ancora più numerosi ad aiutarci: sono gli uomini in più di questa squadra”.

Chiusura dedicata a Insigne, in dubbio per lo scontro al vertice: “Mi hanno detto che è stato solo un affaticamento muscolare, ci auguriamo che sia presto disponibile, è fondamentale la sua presenza”.