I fondi della legge Valore Cultura sono materialmente nelle casse del San Carlo: 29 milioni e 300mila euro che permettono di saldare tutti i debiti pregressi e mettere la parola fine a un periodo difficile per il teatro. Il San Carlo è dunque davvero fuori dal tunnel. S’attende entro il 31 dicembre il nuovo Statuto già al vaglio del ministero. Ma il commissario Lignola andrà via solo dopo l’insediamento del nuovo Cda. Nel frattempo, Emmanuela Spedaliere (finora responsabile del marketing del Teatro) lascia per andare a curare il cerimoniale del Comune di Firenze, ma al San Carlo conserverà una consulenza per marketing e affari istituzionali. E a fine anno andranno via anche il direttore artistico Vincenzo De Vivo e il responsabile del settore scuola Franco Branco.