NAPOLI – Il Napoli non va oltre lo 0-0 contro l’Inter. Un super Samir Handanovic blocca la strada degli azzurri, al primo pareggio in campionato dopo otto vittorie consecutive. Non è stata una partita facile per gli uomini di Maurizio Sarri che hanno tentato in tutti i modi di trovare il gol vittoria ma l’estremo difensore sloveno è stato praticamente perfetto sventando tutti i pericoli creati dai padroni di casa. Grandissima partita di contenimento per l’Inter (Skriniar tra i migliori) in grado di bloccare il super tridente del Napoli ma anche di riproporsi in attacco con veloci ripartenze. Belle prestazioni per Antonio Candreva e Borja Valero che hanno messo in notevole difficoltà il centrocampo azzurro. Alla fine è un punto che va bene soprattutto a Luciano Spalletti: il Napoli resta in vetta con 25 punti ma l’Inter c’è (a quota 23) e con questa tenacia lotterà fino alla fine.

INSIGNE C’È – Sarri ritrova Lorenzo Insigne: il fantasista azzurro è tra i titolari dopo il ko contro il Manchester City. Dall’altra parte Spalletti punta sul 4-2-3-1 con Mauro Icardi riferimento offensivo in attacco. Alle sue spalle Candreva, Borja Valero e Perisic.

NAPOLI OK IN AVVIO – La prima occasione è per Marek Hamsik che al 5′ va vicino al vantaggio con un bel tiro dal limite dell’area ma la palla finisce sul fondo. L’Inter non sta a guardare e mette pressione al Napoli con rapide ripartenze e scambi di palla in velocità ma la difesa azzurra è attenta e guidata da un super Kalidou Koulibaly riesce a resistere al forcing nerazzurro.

SUPER HANDANOVIC – Al 20′ però arriva la prima (doppia) vera occasione della partita: è il Napoli ad andare vicinissimo al vantaggio, prima con Callejon ma Handanovic è attento, poi con Mertens che sulla corta respinta dell’estremo difensore nerazzurro è il più rapido a colpire il pallone per il tap-in ma l’ex Udinese è fenomenale nella reattività e ribatte nuovamente la conclusione. Al 35′ nuova clamorosa occasione per il Napoli: Hamsik taglia benissimo per Insigne che scatta in posizione regolare e prova la conclusione di testa ma la traiettoria è troppo centrale e Hadanovic ancora una volta è attento.