NAPOLI – “Dopo il referendum si dovranno completare le riforme e prevedere un nuovo voto con una nuova legge elettorale. Se emergesse da parte dei cittadini italiani una volontà di cambiamento molto forte si potrebbe anche anticipare il ricorso alle urne. Ma una cosa è andare a votare avendo cambiato la Costituzione, un’altra è indire le elezioni con un paese bloccato e Bruxelles pronta a mettere sotto commissariamento il Paese”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, in un’intervista rilasciata a Mattina 9, il programma in onda sull’emittente Canale 9 – 7 Gold.
“Dobbiamo stare attenti: la situazione finanziaria è delicata e ci sono speculatori finanziari pronti a scippare dal nostro paese tutte quelle risorse che solo con una riforma e un cambiamento possiamo proteggere. La vittoria del No – ha continuato il Sindaco di Firenze – infilerebbe l’Italia in un tunnel senza uscita: non a caso quel fronte è composto da politici che hanno tenuto in mano il Paese per decenni e pensano solo a voler distruggere Renzi senza avere un’alternativa comune”.

CONDIVIDI