C’è una probabilità del 40% che Apple acquisisca Netflix. E’ quanto stimano due analisti di Citigroup, che valutano i possibili effetti della riforma fiscale di Donald Trump. Il taglio delle imposte sulle aziende, unito a una tassazione ridotta per far rientrare in Usa i profitti generati all’estero, metteranno in mano a Apple una liquidità ingente, affermano gli analisti Jim Suva e Asiya Merchant, che quantificano la cifra in 252 miliardi di dollari.

Gli esperti hanno esaminato i potenziali obiettivi di Apple per le acquisizioni. Netflix è al primo posto con il 40%, seguita da Disney con una probabilità tra il 20 e il 30%. Per gli analisti esiste poi una probabilità su 10 che la compagnia di Cupertino rilevi Electronic Arts, Activision o Take-Two, mentre è stimata intorno al 5% la probabilità che Apple compri la Tesla di Elon Musk.

“La società ha troppa liquidità – intorno ai 250 miliardi – e cresce di 50 miliardi all’anno. E’ un bel problema”, scrivono gli analisti. “Storicamente Apple ha evitato di rimpatriare i profitti in Usa per evitare l’imposizione fiscale elevata. La riforma fiscale potrebbe consentire alla compagnia di usare questo denaro. Con circa il 90% della sua liquidità all’estero – evidenziano – una tassa di rimpatrio del 10% una tantum darebbe a Apple 220 miliardi per acquisizioni o riacquisti”.