A quasi un anno dall’omicidio di viale Maria Cristina di Savoia, ha Procura ha chiuso le indagini preliminari nei confronti di Luca Materazzo, il giovane accusato di avere assassinato il fratello maggiore Vittorio. I pm gli contestano l’aggravante della premeditazione. Movente dell’omicidio, i dissapori tra i due dovuti a motivi economici. Vittorio Materazzo, ingegnere, fu ucciso a coltellate mentre faceva rientro a casa dal lavoro. L’assassino, con il volto coperto da un casco, fu visto fuggire; poco dopo furono ritrovati indumenti insanguinati e coltelli da cui fu estratto il Dna di Luca. Il giovane, tuttavia, fece perdere le sue tracce prima che fosse arrestato.

CONDIVIDI