Comincerà dal santuario mariano di Pompei la visita di Papa Francesco a Napoli, in calendario il 21 marzo 2015. Lo ha annunciato l’arcivescovo e delegato pontificio per Pompei monsignor Tommaso Caputo e la notizia è confermata dalla sala stampa vaticana.

«La visita del Papa è un dono grande alla nostra comunità – ha detto – e pone significativamente la “Nuova Pompei”, fondata sulla fede a Maria e sull’operosa carità del Beato Bartolo Longo, come porta della preghiera a questo nuovo incontro del Santo Padre con la terra campana. Sono molteplici i motivi per i quali la presenza di Papa Francesco a Pompei rappresenta un evento di straordinario rilievo ecclesiale. La filiale e tenera devozione mariana che il Papa continua a manifestare è anche alla radice del forte impegno della Chiesa di Pompei verso gli ultimi e i più bisognosi, impegno che ha dato vita all’esistenza stessa della città mariana. Più che mai oggi, le motivazioni di carità, legate intimamente alle esigenze di giustizia e rispetto della dignità di ogni persona, non sono venute meno. Oltre all’esultanza per la sua venuta, attendiamo che Papa Francesco ci indichi la strada da percorrere per essere ancora più vicini e più solidali con la nostra gente».

Anche i predecessori di Papa Francesco hanno fatto visita al santuario della Vergine del Santo Rosario a Pompei. Il 21 ottobre 1979 san Giovanni Paolo II visitò assieme Pompei e Napoli, iniziando la visita proprio dal santuario mariano, dove tornò il 7 ottobre 2003, per la chiusura dell’Anno del Rosario. Il 19 ottobre 2008 anche Papa Benedetto XVI ha visitato il Santuario di Pompei.