Un primo avvio della flat tax per oltre un milione di partite Iva ma anche del reddito e della pensione di cittadinanza, una nuova rottamazione delle cartelle, il superamento della legge Fornero e un fondo da 1,5 miliardi per i truffati delle banche.

Sono questi i principali contenuti dell’accordo raggiunto nella maggioranza di governo in vista della predisposizione della nota di aggiornamento del Def. In più vanno aggiunti 12,5 miliardi per la sterilizzazione delle clausole di salvaguardia sull’Iva (ossia per evitarne l’aumento). La manovra vale quindi 33,5 miliardi, di cui 27,2 in deficit. Ecco i punti principali

REDDITO DI CITTADINANZA, 10 MILIARDI: arriva un primo assaggio da 10 miliardi del reddito di cittadinanza e delle pensione di cittadinanza. Secondo i calcoli del M5s riguarderà 6,5 milioni di persone che ora sono sotto la soglia di povertà. C’è anche il via libera alle pensioni di cittadinanza, che fissa una soglia di 780 euro per le pensioni minime. Si parte sicuramente da un rafforzamento dei centri per l’impiego.

ALIUOTA AL 15% PER OLTRE 1 MILIONE DI PARTITE IVA, 1,5 MILIARDI : La flat tax comincerà dalle piccole imprese. Per loro è in arrivo un prelievo fisso del 15% che – secondo fonti della lega – riguarderà oltre un milione di italiani. Di fatto è un allargamento del fisco forfettario che include l’Iva: proprio per questo il beneficio nel 2019 per i contribuenti riguarderà l’imposta sul valore aggiunto per poi spostarsi nel 2020 sui redditi guadagnati. Per gli altri cittadini – ipotizza invece una bozza del Def – si arriverà alle due aliquote del 23% e del 33% a fine legislatura.

SUPERAMENTO FORNERO E LAVORO GIOVANI, 6-8 MILIARDI: I sondaggi dicono che è il tema più atteso della manovra e sia Lega sia M5s puntano ad intestarsi la misura. La possibilità di andare in pensione anticipatamente – attraverso un meccanismo di quota 100 – riguarderà almeno 400 mila persone e – secondo i partiti di maggioranza – si tradurrà in altrettanti posti di lavoro per i giovani.

TRUFFATI BANCHE, AUMENTANO I RISARCIMENTI, 1,5 MILIARDI: Aumentano i fondi per i “truffati dalle banche”. Inizialmente si ipotizzava un fondo di 500 milioni, ieri il vicepremier Di Maio ha parlato di un miliardo: si sarebbe arrivati a trovare 1,5 miliardi per un fondo ad hoc alimentato dai conti dormienti.

ARRIVA LA PACE FISCALE, NUOVA ROTTAMAZIONE: L’accordo di governo contiene anche il provvedimento per la cosiddetta “pace fiscale” che prevede la chiusura delle cartelle Equitalia e che avrà un impatto una tantum sui conti. Una bozza del Def indica una soglia fino a 100 mila euro, ma la soglia potrebbe non essere stata fissata nell’accordo.

fonte: il sole 24 ore

Manovra, deficit-Pil al 2,4% per 3 anni: Tria cede ma non si dimette. Balzo dello spread, tasso sui BTp sopra al 3%

Il Governo giallo-verde sfida Ue e mercati, che reagiscono immediatamente facendo salire il rischio Italia. Giovedì sera è stata raggiunta l’intesa tra M5S e Lega da una parte e il ministro dell’Economia Tria dall’altra sulla percentuale che fotografa il rapporto tra deficit e Pil: sarà il 2,4% per tre anni (2019, 2020, 2021).

Dopo una giornata ad altissima tensione si è così sbloccato lo stallo tra i rappresentanti dell’esecutivo: una trattativa, tutta interna al governo giallo verde, per definire questo parametro. Nota di aggiornamento al Def approvata all’unanimità. «Stiamo facendo del bene all’Italia e agli italiani», scrive in un post il premier Giuseppe Conte, parlando di «una manovra economica meditata, ragionevole e coraggiosa».

Vola lo spread in apertura, Btp sfonda il 3%
Immediata la reazione dei mercati: nei primi minuti di contrattazione lo spread balza di una ventina di punti a quota 258 dai 236 di giovedì. Il rendimento sul BTp decennale sfonda il 3% e sale al 3,07 per cento dal 2,9% della chiusura di giovedì.

Per gli investimenti 15 miliardi in più nel prossimo triennio
Conte spiega che «una parte significativa della manovra riguarda il piano di investimenti pubblici. Abbiamo previsto di aggiungere ai 38 miliardi già stanziati per i prossimi 15 anni anche 15 miliardi per il prossimo triennio. Abbiamo previsto una cabina di regia a Palazzo Chigi per monitorare e verificare l’attuazione del piano di investimenti. Inoltre il ministro dell’Economia riferirà trimestralmente al Consiglio dei ministri sull’andamento dei conti pubblici e del Pil».

Di Maio: «È finita che si fa la Manovra del popolo»
I ministri del Movimento 5 Stelle festeggiano nella notte sul balcone di Palazzo Chigi: «È finita che si fa la manovra del popolo – esulta il vicepremier con deleghe allo Sviluppo economico e al Lavoro Luigi Di Maio – che si fa il reddito di cittadinanza, la riforma della Fornero. Per anni ci hanno detto che non c’erano i soldi ma i soldi ci sono. La vittoria è che si fanno misure storiche. Non vince il governo, vincono i cittadini. È una manovra che ci permetterà di rilanciare gli investimenti e la crescita».

Manovra del popolo, l’annuncio di Di Maio su Facebook

La scelta di Tria
Il ministro, che alla fine ha ceduto rispetto alla “linea del Piave” che lui stesso aveva indicato, ovvero l’1,9%, non rassegnerà le dimissioni. «Nessuno ha mai messo in discussione Tria né si è messo in discussione. La sua scelta è la naturale conseguenza di un allineamento politico», ha detto il ministro per le Infrastrutture Danilo Toninelli. Avrebbe influito la telefonata del capo dello Stato Sergio Mattarella che lo ha invitato a restare. Un sostegno che però sarebbe stato precedente al Consiglio dei ministri e alla decisione di portare il rapporto deficit pil al 2,4 per cento. In serata il capo dello Stato ha avuto anche una telefonata con il premier Giuseppe Conte.

«Non temiano lo spread»
La notizia del raggiungimento dell’intesa è stata comunicata ai parlamentari M5s e Lega, riuniti a Montecitorio. Ed è stata salutata con un applauso. Poi in piazza dinanzi alla Camera militanti e parlamentari in festa armati di bandiere del movimento. «Non temiamo lo spread, non temiamo i mercati, finalmente oggi il Governo del cambiamento va incontro alle esigenze dei cittadini. Non c’è stato nessun diktat, era tutto scritto nel contratto di governo», dice il capogruppo M5s al Senato Stefano Patuelli.

Le cifre illustrate dai due vicepremier
«È stato un lavoro di squadra in cui il presidente Conte è stato importantissimo per trovare il punto di caduta», dice il vicepremier Luigi Di Maio sceso in
piazza davanti palazzo Chigi. «Accordo raggiunto con tutto il governo sul 2,4%. Siamo soddisfatti, è la manovra del cambiamento», sottolineano in una nota congiunta i due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini, al termine dell’incontro presso la Presidenza del Consiglio. «Ci sono 10 miliardi per il reddito di cittadinanza», una misura con la quale «restituiamo un futuro a 6,5 milioni di persone», continua Di Maio. Il leader pentastellato chiarisce che dalla manovra non resteranno esclusi «i truffati delle banche che saranno risarciti con un Fondo ad hoc di 1,5 mld». E aggiunge: «Con il superamento della legge Fornero chi ha lavorato una vita può finalmente andare in pensione liberando i posti di lavoro per i nostri giovani, non più costretti a lasciare il nostro Paese per avere un’opportunità».

LE MISURE CHIAVE
Scorrendo nel dettaglio le misure, muove i primi passi il reddito di cittadinanza, con un primo assaggio da 10 miliardi per le pensioni di cittadinanza. Poi la flat tax per oltre un milione di partite Iva e una nuova rottamazione delle cartelle, ma anche un primo superamento della legge Fornero e un fondo da 1,5 miliardi per i truffati delle banche.

1) Reddito e pensioni di cittadinanza10 miliardi di dote
Primo passo per il reddito di cittadinanza. Si parte con una dote di 10 miliardi per le pensioni di cittadinanza per 6,5 milioni di persone che ora sono sotto la soglia di povertà: 780 euro per le pensioni minime. Il reddito di cittadinanza parte dal rafforzamento dei centri per l’impiego, al centro di un’inchiesta del Sole 24 Ore (Centri per l’impiego, flop al Sud: il 72% con pochi pc o senza web).

GUARDA IL VIDEO – Centri per l’impiego che non impiegano: solo il 3,4% ha trovato lavoro con i Cpi

2) Flat tax: 15% per oltre un milione di partire Iva
La flat tax parte dalle piccole imprese, con un prelievo fisso del 15% che – secondo fonti della Lega – riguarderà oltre un milione di italiani. Di fatto è un allargamento del fisco forfettario che include l’Iva: proprio per questo il beneficio nel 2019 per i contribuenti riguarderà l’imposta sul valore aggiunto per poi spostarsi nel 2020 sui redditi guadagnati. Per gli altri cittadini si arriverà alle due aliquote del 23% e del 33% a fine legislatura.

3) Superamento Fornero
Possibilità di andare in pensione anticipatamente – attraverso un meccanismo di quota 100 – riguarderà almeno 400 mila persone e – secondo i partiti di maggioranza – si tradurrà in altrettanti posti di lavoro per i giovani.

4) Truffati dalle banche: aumentano i risarcimenti
Aumentano i fondi per i “truffati dalle banche”. Inizialmente si ipotizzava un fondo di 500 milioni. Ora si parla di un miliardo: si sarebbe arrivati a trovare 1,5 miliardi per un fondo ad hoc alimentato dai conti dormienti.

5) Pace fiscale: nuova rottamazione
Nuova pace fiscale, con la chiusura delle cartelle Equitalia e che avrà un impatto una tantum sui conti. Soglia fino a 100 mila euro.

Vertice di 4 ore per raggiungere l’accordo
L’accordo è stato raggiunto al termine di un vertice “complicato” a Palazzo Chigi, che è durato oltre quattro ore. All’incontro hanno partecipato il premier Giuseppe Conte, Di Maio e Salvini, Tria e il ministro degli Affari europei, Paolo Savona. Dopo la riunione a Palazzo Chigi, e il raggiungimento dell’intesa, c’è stato un Consiglio dei ministri, che ha dato il via libera alla Nota di aggiornamento del Def, il Documento di economia e di finanza che costituisce la base della manovra. La Nota di aggiornamento ha registrato la soglia deficit – Pil uscita fuori dal vertice precedente.

Sessione di bilancio inizia alla Camera
La conferenza dei capigruppo di Montecitorio ha deciso l’iter della sessione di Bilancio prenderà il via quest’anno dalla Camera. Il Ddl Bilancio sarà all’esame dell’Aula a novembre in prima lettura e a dicembre (di ritorno dal Senato). È pertanto rispettata la consuetudine dell’alternanza, nell’avvio dell’esame dei documenti di Bilancio, tra i due rami del Parlamento.

fonte: il sole 24 ore