NAPOLI – “Il libro ‘Memorie sparse di civiltà antiche’ è un atto d’amore verso l’isola d’Ischia. Nasce con l’idea di raccontare l’evoluzione socio-economica di Forio e di tutta l’isola, ma in un secondo momento ho inteso ampliarne la base parlando anche della sua morfologia, estrapolando le note da autorevoli personaggi che ne hanno parlato nel corso della sua evoluzione. Non manca un corredo fotografico ad impreziosire l’opera, che racconta anche le tante figure rappresentative degli usi, dei costumi e della mentalità dell’isola. Un libro che spero possa essere utile a una migliore conoscenza dell’isola”. Lo ha dettoPietro Russo, presidente della Confcommercio Imprese per l’Italia della Provincia di Napoli, nel corso della presentazione del suo libro “Memorie sparse di civiltà antiche”.
Pietro Russo e Nicola Marrazzo“E’ stato un lungo lavoro alla ricerca di personaggi indispensabili a realizzare questa ‘pazza’ idea. Un compito non facile – ha aggiunto Russo -, ma abbiamo superato tutte le difficoltà sul nostro percorso”.
“Il libro parte dall’analisi della vita di un uomo importante per Ischia come Russo, che racconta di sé e dell’isola – ha evidenziato Enrico Panini, assessore comunale al Commercio – Un tema riguarda l’impegno per questo territorio, di carattere personale e pubblico: il primo si lega all’etica della responsabilità verso la città, i giovani ed i cittadini. Il secondo alle politiche per lo sviluppo, abbiamo bisogno che governo e regione mettano a disposizione risorse adeguate perché se riparte Napoli riparte il Meridione e l’intera nazione”.
“La fuga dei giovani si contrasta facendo capire loro che nella nostra Regione c’è un futuro – ha sottolineato Alessandra Clemente, assessore ai Giovani del Comune di Napoli – E il futuro non si costruisce senza la memoria. Per questo motivo l’opera di Russo riveste un ruolo formativo”.
“Il libro di Russo – ha detto Nicola Marrazzo (nella foto con Pietro Russo), presidente della Commissione Attività Produttive della Regione Campania – è un’opera di valorizzazione di un’isola splendida come Ischia. Può rappresentare un importante veicolo di promozione per la bellezza del territorio”.