Le grandi squadre quando cadono sanno rialzarsi e siamo qui in Olanda per dimostrare che sappiamo rialzarci anche noi”. Maurizio Sarri, in conferenza stampa, parte dalla gara della Juve per proiettarsi alla sfida di domani a Rotterdam.

Siamo qui in Olanda per cercare la vittoria e passare il turno. Con un po’ di buona sorte possiamo ancora farlo. Non staremo a pensare a cosa succederà in Ucraina, l’energia dovrà essere tutta concentrata sulla nostra partita”.

“Sto sentendo tante parole sulla sfida contro la Juventus, e critiche fuori luogo. Aver fatto quasi tutta la gara con una netta supremazia di palleggio e possesso, aver tenuto sotto una squadra che ha vinto 6 scudetti, significa che stiamo crescendo”.

“Voglio ricordare che questa squadra da quando sono qui ha conquistato 206 punti in 91 gare con una media oltre ai 2 punti e mezzo a partita. Una cosa impressionante che ci deve far capire consa sta facendo il Napoli sinora”.

Sento parlare di stanchezza solo perchè si è perso un incontro, contro la Juventus, ma non si guarda il rendimento complessivo. Venerdì abbiamo semplicemente mosso la palla un po’ più lentamente e questo ha condizionato la fase offensiva. Ma nel complesso la squadra ha mostrato grande forza in campo”.

“A questo va aggiunto che abbiamo perso due calciatori importantissimi quali Milik e Ghoulam, e nonostante questo non ci siamo mai lamentati. Negli anni scorsi quando abbiamo perso qualche colpo abbiamo sempre recuperato. Lo faremo anche stavolta”.

“Credo che meritiamo un po’ di fortuna e per questo sono certo che domani faremo una grande partita. Non so cosa accadrà tra Shakhtar e Manchester, ma certamente non ce ne dovremo occupare non avendo alcuna influenza se non sulla nostra sfida”.

Ha sentito Guardiola? “Io e Guardiola ci sentiamo a volte ma parlando solo di calcio. Sarebbe offensivo da parte mia parlargli della gara di domani perchè è come mettere in dubbio la loro mentalità vincente che sono sicuro mostreranno anche in Ucraina”.

“Piuttosto dobbiamo concentrarci sulla nostra partita perchè non sarà affatto facile, incontriamo un avversario di qualità e dovremo dare il massimo. Ripeto: la sfida di domani ci dirà se siamo grandi e se sappiamo rialzarci”

I ragazzi sono rimasti delusi dopo la sconfitta con la Juventus ed io non ho dormito per due notti, ma abbiamo l’occasione per reagire. Dinanzi a noi, dopo aver battuto tanti primati, c’è un altro record: essere l’unico gruppo della storia del Napoli a qualificarsi agli ottavi di Champions per due anni consecutivi...”

Siamo qui per riscattarci dopo la sconfitta contro la Juve, crediamo nella qualificazione in Champions”. Dries Mertens mostra tutta la sua carica nella conferenza di vigilia del match di Rotterdam.

Conosco il Feyenoord, ho già giocato su questo campo e so come loro interpretano in calcio. In una gara contro di loro persi anche due denti. Per noi non sarà una partita difficile ma vogliamo dimostrare si saper reagire e di meritare di giocare in questa competizione”.

“Con la Juve è stato un colpo duro perchè non siamo abituati a perdere, però abbiamo forza e convinzione per rialzarci”.

“Il passaggio del turno, ovviamente, non dipende solo da noi, ma sono convinto che il Manchester City avrà voglia di chiudere alla grande il girone a punteggio pieno”.

“Per quanto ci riguarda possiamo solo pensare di dare il massimo domani e conquistare i tre punti, poi vedremo alla fine come sarà la classifica”.

Sull’assenza di Insigne: “Lorenzo è un grande campione, ci mancherà certamente, ma abbiamo un gruppo solido e competitivo. Domani chi giocherà darà tutto per ottenere il massimo“.

A Mertens manca il gol da quattro turni, magari domani è il momento giusto…”Sì ma ciò che conta è la squadra. Io sto giocando con continuità, ho fornito assist, mi sento bene, ho le pile cariche e so di poter fare ancora meglio. Ciò che conta adesso è vincere, reagire e riprendere la nostra strada…

CONDIVIDI