Il match è stato quasi sempre nelle nostre mani, abbiamo pagato dieci minuti di sbandamento, ma il risultato rispecchia l’andamento della partita“. Maurizio Sarri analizza così questo spettacolare 4-2 tra Napoli e Milan.

Devo dire che la squadra è partita molto bene nonostante ci fossero condizioni climatiche molto difficili per la temperatura e il caldo afoso. Abbiamo sempre avuto il pallino del match anche se ovviamente non sono soddisfatto dell’avvio di ripresa. Una flessione ci può anche stare però il successo è legittimo ed abbiamo vinto con merito riuscendo di nuovo a riprendere la partita nel finale”.

“Dobbiamo ancora lavorare molto sulla capacità di gestione, perchè siamo sempre costretti a giocare al massimo e se c’è un periodo di ritmo basso finiamo per subìre. Questo è un aspetto da migliorare e lo faremo anche grazie ad una condizione atletica che deve raggiungere il top“.

Sull’exploit di Milik: “A me ha dato sempre buonissime sensazioni anche in allenamento, sia come calciatore che come persona. Si sta ambientando velocemente nel nostro calcio ed ha ampi margini di miglioramento. E’ vispo, sveglio, attento, non conosce ancora bene la lingua, ma sta dimostrando subito una bella intesa con i compagni. E’ un ragazzo di 22 anni, va fatto maturare senza pressioni“.

Infine sull’espulsione: “Non so spiegarmela. Ho detto all’arbitro che stavano sbagliando alcune decisioni. Ma probabilmente è più facile cacciare me che un allenatore vestito col doppio petto