Shen alla Galleria E23

Inaugura mercoledì, 22 novembre, alle 18, alla Galleria E23, in via Giovanni Tommaso Blanch 23 a Napoli, “Shen”, mostra che vedrà protagoniste le opere di Illen Aria, Giammarco Biele, Andrea Bolognino, Vito Chianca, Vincenzo D’Argenio, Marco Donisi, Luca Gioacchino Di Bernardo, Flaviano Esposito, Matteo Martignoni. Un originale progetto a cura di Mario Francesco Simeone, tratto da un racconto collettivo realizzato in collaborazione con Luigi De Cicco, Carmine Ranaldo, Gabriele Toralbo e Gianluca Ucci.
Shen è una multinazionale che gestisce e coordina enormi flussi economici e informazioni la cui potenza è minacciata dalla creazione di un logo che, immesso sul mercato, porterebbe effetti imprevedibili. Nel momento in cui il suo servizio di hacking e spionaggio intercetta alcune trasmissioni criptate, si avvia un programma di ricerca capillare per trovare l’organizzazione anonima che sta lavorando al logo, una minuscola cellula dispersa nella corrente del web.
La storia è raccontata esclusivamente attraverso le fonti rintracciate dal servizio di hacking, comprendendo brani di chat reperiti sui social network e sui servizi di messaggistica, recensioni e prenotazioni sui portali di booking, fatture e ordini dai siti di e-commerce, gallerie fotografiche e video caricati su diverse piattaforme di condivisione. Qualunque elemento reperito sulla rete può dare forma alla struttura narrativa, contribuendo allo sviluppo della trama e della ricerca.
Le opere in mostra ibridano pittura, disegno e scultura con i nuovi linguaggi virtuali, scandendo i temi e i nuclei narrativi della storia di Shen, disgregati e disseminati assecondando il flusso di informazioni generato nel contesto della realtà del web e dei mass media. La mostra alla Galleria E23, visitabile fino al 31 dicembre 2017, è il primo capitolo del progetto.
Shen 神 è una parola chiave nella cultura cinese, riferita agli ambiti della medicina e della filosofia. Con tutte le riserve e le incertezze del caso, il termine si può tradurre con “spirito” e indica la radice della forza vitale, che risiede nel cuore e si dirama a tutti gli altri organi. Nei testi medici il significato assume sfumature diverse in base al contesto e alcune volte è riferito allo Yin e lo Yang, oppure, ancora, allude all’illuminazione e all’intelligenza, con il concetto di Shenming.