Prestavano soldi a strozzo per lo più a imprenditori in difficoltà, con tassi del 100% con punte fino al 570%, ricorrendo a violenze o minacce per ottenerne la restituzione o appropriandosi di beni dei debitori a copertura dei crediti vantati: con questa accusa il Gip di Roma ha emesso nove misure cautelari, di cui cui sette arresti, su richiesta della Dda. Sequestrati beni immobili e società per un valore complessivo di circa 11 milioni di euro. Le misure cautelari sono state eseguite dai finanzieri del Comando provinciale di Roma e riguardano accuse, a vario titolo, per associazione per delinquere, usura, estorsione, esercizio abusivo dell’attività finanziaria, truffa aggravata ai danni dello Stato, autoriciclaggio e trasferimento fraudolento di beni al fine di eludere la normativa antimafia in materia di prevenzione patrimoniale. Trenta le perquisizioni in corso in provincia di Roma, Latina e Napoli con l’impiego di oltre 150 finanzieri.

Fonte: https://www.agi.it/cronaca/usura_prestavano_denaro_con_tassi_fino_al_570_7_arresti_a_roma-4096350/news/2018-07-03/